loading...

Come tagliare l’erba e avere un prato perfetto in giardino

Prato

Per poter durare a lungo nel tempo e rimanere forte e sano, ogni manto erboso ha bisogno di essere tagliato con una certa regolarità, anche una volta ogni dieci giorni nei mesi più caldi. Limitarsi a irrigare e a concimare, infatti, non è sufficiente per avere un giardino in ordine, a maggior ragione nel caso in cui esso venga calpestato di frequente. Il lavoro del taglio dell’erba può essere perfino automatizzato con rasaerba robot che entrano in azione tutti i giorni. Qualora si opti per un taglio frequente, conviene puntare sul mulching, una tecnica in base alla quale lo sfalcio viene sminuzzato e poi lasciato sul posto affinché possa andare ad arricchire il terreno.

Come si taglia l’erba

Il taglio deve essere sempre effettuato con l’erba asciutta e usando lame affilate: solo così si può essere certi di ottenere risultati ottimali dal punto di vista estetico e per la longevità del giardino. Gli esperti raccomandano di tagliare al massimo il 30% dell’altezza dell’erba e di procedere di pomeriggio, o comunque nelle ore più fresche del giorno. Sarebbe auspicabile tagliare l’erba in senso alternato, per evitare che i fili siano troppo compattati da una parte o che si formino dei solchi.

Quando bisogna tagliare il prato

Il taglio contribuisce a rendere il manto erboso più forte e rende più robusto l’apparato radicale delle piante, che così vengono stimolate a vegetare. Un prato caratterizzato da radici forti riesce a sopportare con più facilità non solo il calpestio, ma anche la siccità (sempre che sia occasionale). Al contrario, quando l’erba viene tagliata poco impiega le proprie risorse per lo stelo alto, e quindi diventa più debole. C’è un altro motivo per il quale i tagli dovrebbero essere frequenti: in questo modo, infatti, è possibile monitorare le essenze del giardino e impedire che germinino semi di piante spontanee che potrebbero moltiplicarsi.

Il primo taglio

Una volta che è stato seminato, il prato deve essere tagliato per la prima volta non appena l’erba arriva a una decina di centimetri di altezza. Dopo il taglio iniziale, quelli successivi dovranno essere pianificati in funzione della velocità con la quale l’erba cresce. Con un rasaerba automatico non si può fare a meno di tagliare spesso, dal momento che i robot riescono a lavorare soprattutto se l’erba è bassa. Il manto erboso deve essere tagliato più spesso in primavera e in autunno, dato che in queste stagioni la crescita del prato è resa più veloce dalle temperature miti, dalle piogge abbondanti e dall’umidità del clima. Il suggerimento è di non attendere più di due settimane tra un taglio e l’altro.

In inverno e in estate

Di solito in inverno il prato non si taglia: questo vuol dire che non c’è bisogno di manutenzione nei mesi compresi tra novembre e febbraio. Si può ricominciare, poi, nel momento in cui le temperature risalgono sui 15 gradi, verso marzo. È chiaro, naturalmente, che ogni situazione deve essere valutata singolarmente a seconda della zona climatica in cui si vive. Per quel che riguarda la stagione estiva, invece, è bene non esagerare con la frequenza di taglio, per prevenire il pericolo che il prato si possa diradare e inaridire. Una cadenza di una volta ogni 20 giorni è ideale per avere risultati ottimi.

Il rasaerba

Sul mercato si possono trovare sia rasaerba elettrici che modelli dotati di un motore a scoppio. Questo strumento offre molti vantaggi, come per esempio la manutenzione ridotta: è sufficiente, una volta all’anno, affilare la lama. Il rasaerba ideale per un prato di dimensioni medie è di tipo elettrico, che è piuttosto silenzioso e non costa molto; tuttavia è bene prestare attenzione al cavo di alimentazione, che può essere un ostacolo se ci sono tanti arbusti o alberi da superare. Ovviamente ci sono anche modelli con alimentazione a batteria, per i quali si deve considerare la durata della carica, specialmente se il prato è di grandi dimensioni. In alternativa si può ricorrere a un tosaerba con motore a scoppio, che però ha il difetto di generare molto rumore. È raccomandata la scelta di un modello trazionato (in cui, cioè, è il motore a far girare le ruote) in presenza di una superficie molto ampia o anche solo se si ha la necessità di tagliare l’erba di frequente.

Il trattorino tagliaerba

Per quel che riguarda il Trattorino Tagliaerba prezzi e dotazione variano in base al tipo di modello per cui si decide di optare. In commercio ci sono soluzioni di dimensioni differenti, e si possono usare accessori che permettono di lavorare non solo nei prati a distesa libera, ma anche in presenza di cespugli o alberi. I vantaggi offerti da un trattorino sono molteplici, a cominciare dalla semplicità di utilizzo; questo strumento, inoltre, permette di ottenere risultati professionali anche su prati molto estesi.

Il decespugliatore

Il decespugliatore deve essere usato in presenza di arbusti o quando l’erba che deve essere tagliata è molto alta. Anche per il taglio dei bordi si può ricorrere a questo strumento, che ha il pregio della maneggevolezza e quindi permette di arrivare in tutti quei punti che non possono essere raggiunti dal tosaerba. Il consiglio è di passare inizialmente con il decespugliatore, così che poi il tosaerba trituri l’erba sfalciata e la raccolga. Infine, il decespugliatore è utile in tutte quelle circostanze in cui ricorrere al tosasiepi potrebbe essere pericoloso, per esempio con prati in pendenza.

L’altezza di taglio

L’erba non dovrebbe mai andare oltre i 10 centimetri, non solo per un fatto estetico ma anche perché questa è una misura che non permette alle piante infestanti di svilupparsi. Se è vero che di solito l’altezza ideale del taglio è pari a 4 centimetri, è altrettanto vero che nelle zone in ombra la crescita è meno rapida, e quindi conviene aumentare di alcuni centimetri. Non bisogna mai dimenticare, però, che la tipologia di erba determina l’altezza del taglio. Come detto, non bisognerebbe mai togliere oltre un terzo della vegetazione, per evitare stress e sfilacciamenti: il cosiddetto scalping.

ORARI DI APERTURA

dal lunedì al sabato 08.30-12.30 / 15.00-19.00 ~ domenica e festivi 09.30-12.30 / 15.30-19.00
Chiusi 15 e 28 Agosto, 25-26-31 Dicembre e 1 Gennaio


IL GIAGGIOLO

via G.B.Vico, 25
55042 Forte Dei Marmi (LU)
P.IVA 01432110466
N. REA 141109

ABOUT

  • Chi siamo
  • Condizioni di vendita
  • F.a.q.
  • Privacy Policy
  • Cookie Policy

Dove siamo

Map